Sesta ConfSL: il software libero italiano in conferenza ad Ancona il 22 e 23 giugno

  • warning: array_map(): Argument #2 should be an array in /home/mhd-01/www.senalug.org/htdocs/modules/system/system.module on line 1015.
  • warning: array_keys() expects parameter 1 to be array, null given in /home/mhd-01/www.senalug.org/htdocs/includes/theme.inc on line 1771.
  • warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/mhd-01/www.senalug.org/htdocs/includes/theme.inc on line 1771.

La Sesta Conferenza Italiana sul Software Libero (ConfSL) si terrà ad Ancona il 22 e il 23 giugno presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università Politecnica delle Marche. L'appuntamento annuale - il sesto dopo quelli di Cosenza, Trento, Bologna, Cagliari e Milano - riunisce in conferenza tutte le anime del mercato italiano del software libero: dai volontari delle comunità, al mondo della scuola e dell'università, alle aziende pubbliche e private.

I temi che verranno dibattuti durante le sessioni della ConfSL 2012 sono: il software libero per le aziende, per le università e per la ricerca, la qualità del software, open data e open government, e green IT. I keynote saranno tenuti da Stefano Zacchiroli, leader della comunità mondiale Debian, e Tristan Nitot, portavoce di Mozilla in Europa. Non mancheranno interventi di protagonisti del Software Libero in Italia come Angelo Raffaele Meo, Renzo Davoli, Alessandro Rubini e Flavia Marzano.

"Il software libero è ormai entrato in tutti i settori economici, dove rappresenta un modo completamente nuovo di introdurre l'innovazione, nel rispetto dei principi etici e di una ana competizione che si traducono in un maggior numero di opportunità per le aziende locali e per i giovani", afferma Luca Ferroni, coordinatore del comitato organizzatore.
La ConfSL sarà preceduta da una giornata di incontri della comunità del software
libero impostata come un'assemblea: sarà un'occasione di sintesi dei dati
attuali rispetto alla distribuzione territoriale e tematica dei gruppi, e di
approfondimento in gruppi di lavoro su temi specifici: scuola, proposte di
legge, open knowledge, comunicazione e servizi, e formati aperti.